biblioteca diffusa

appunti

Vorremmo  organizzare la biblioteca diffusa dello spettacolo e del cinema a Roma

 

L’isola del libro ritrovato.

Fahrenheit 451  romanzo di fantascienza del 1953, scritto da Ray Bradbury , il libro è stato trasposto  nel 1966 in un omonimo film da François Truffaut.

Ambientato in un imprecisato futuro posteriore al 1960, descrive una società in cui leggere o possedere libri è considerato un reato e viene istituito un apposito corpo di vigili del fuoco impegnato a bruciare ogni tipo di volume.

Nel nostro paese la distruzione dei libri sta avvenendo per mancanza di spazi  e di cultura . Il libro non può essere considerato un strumento superato di cultura.

Gli  amanuensi trascrissero riga per riga i grandi classici riuscendo a salvarli dalle invasioni barbariche e permettendo cosi l ‘arrivo sino a noi  sia di testi sia scientifici che poetici e filosofici , imprescindibili per la nostra identità storica moderna .

Vedere i libri compattati dai cassettoni della mondezza in un indistinto spazio per carte e cartoni ci sembra uno scempio sia culturale che economico,

Un inutile spreco da tutti i punti di vista.

Ecco quello che proponiamo è di organizzare punti di raccolta non saltuaria per i libri , almeno uno per ogni municipio per poi riciclare i libri in biblioteche e spazi culturali  diffusi sul territorio . Anche piccoli punti luce di diffusione che permettano di ritrovare scritti e parole in una sala attesa di un ospedale come in una fila della posta o in altri luoghi  dove oggi si vedono accesi solo telefonini .

Ciò potrà creare sia recupero di cultura che possibilità di lavoro interessante e  qualificato  per giovani o altre categorie oggi espulse dal mondo lavorativo .

Tutto senza levare ma anzi supportando la rete delle biblioteche comunali che tanto a Roma hanno tanto significato  .

Gli stessi centri culturali sociali e gli spazi collettivi di associazioni e altre situazioni oggi in abbandono e degrado potranno essere recuperati all’a rchiviazione e al riuso sia dei libri che delle immagini su carta , vedi manifesti cartoline e quanto altro di significativo viene oggi distrutto .

Non ultimo tassello del nostro intervento di recupero del libro saranno le stesse Aree Eclogiche Ama, oggi distribuite su tutta Roma, e proprio da Ama e comune oltre che dalle diverse municipalità cerchiamo da subito massima collaborazione reciproca.

Certo il nostro oggi sembra un sogno di librai espulsi dal cambiamento del mercato e forse in parte lo è ..Ma come il vinile è tornato in auge prima di sparire cosi crediamo che la forma libro mantenga un senso che verrà col tempo ritrovato non solo in forma di collezionismo, ma in forma di comunicazione di qualità di contenuti che nel libro vengono fissati e comunicati in maniera stabile e precisa ,oltre che dettagliata e  inconfondibile.

per questo intendiamo costruire un primo gruppo di operatori culturali del libro  , piccolo ma competente ed efficiente ,partendo dall’associazione Calpurnia che all’ex mercato di Torre Spaccata già da anni raccogli libri e salva carte  e culturali tra difficoltà e  e coinvolgendo da subito le altre associazioni che stanno lavorando per costruire biblioteche libere sul territorio

per adesioni ed informazioni

immaginicinema@hotmail.com

Marco Marinelli 3669203977

Marco Capitelli 3385465301

Una   raccolta aperta e collettiva di libri e altro materiale culturale(dalle fotografie  alle immagini disegnate ,dalle cartoline ai semplici schizzi colorati  ,dai  ai fumetti ai vecchi strumenti di riproduzione tipo giradischi ecc ) avverrà ogni primo sabato del mese all’associazione  Calpurnia via Filippo Tacconi 11 con un incontro tra operatori e raccoglitori   per scambiarsi esperienze e considerazioni.

Saranno proiettati  i filmati che il pubblico porterà .

L’associazione Calpurnia  tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 20 sarà aperta sia per iniziative culturali inerenti che per la raccolta dei materiali

Chiaramente il nostro lavoro si aprirà ai luoghi del territori tipo ospedali, e luoghi dove la cultura non è presente per motivi anche economici.

Abbiamo collaboratori e  strutture adeguate per predisporre  all’ interno degli ospedali percorsi teatrali e eventi poetici , chicche particolari tese a migliorare la vivibilità dei pazienti coinvolgendoli stanza per stanza , in una ricerca artistica tesa  per  un miglior equilibrio possibile .

Per i più piccoli ma non solo per loro verranno predisposti interventi di  GosPlay con personaggi mascherati in maniera di ritrovare gioia  e sorrisi anche in senza contrapporre contenuti e divertimento

Cinema e musica saranno organizzati ogni qual volta sarò possibile collaborando completamente con la direzione delle rispettive strutture.

Per tutti ogni  evento verrà richiesto un rimborso spese minimo ma adeguato a coprire costi vivi che saranno di volta in volta documentati .

aggiungere anche la clown-terapia

 

Ciao.se ti capitano libri di cui qualcuno si vuole liberare o gettare al macero noi li recuperiamo per creare una vera e propria biblioteca diffusa dello spettacolo e del cinema ma non solo ok Marco 3385465301