quanto sei bella Roma

 

 

 

Quanto sei bella Roma quand’è sera

quando la luna se specchia dentro ar fontanone

e le coppiette se ne vanno via,

quanto sei bella Roma quando piove.

Quanto sei grande Roma quand’è er tramonto

quando l’arancia rosseggia

ancora sui sette colli

e le finestre so’ tanti occhi,

che te sembrano di’

quanto sei bella.

Quanto sei bella.

Oggi me sembra che

er tempo se sia fermato qui,

vedo la maestà der Colosseo

vedo la santità der cupolone,

e so’ piu’ vivo e so’ più bbono

no nun te lasso mai

Roma capoccia

der mondo infame,

Roma capoccia

der mondo infame.

Oggi me sembra che

Er tempo se sia fermato qui

Na carrozzella va co du stranieri

n rubivecchi te chiede un po’ de stracci

li passeracci so’ usignoli;

io ce so’ nato Roma,

io t’ho scoperta stamattina

io t’ho scoperta.

Oggi me sembra che

er tempo se sia fermato qui,

vedo la maestà der Colosseo

vedo la santità der cupolone,

e so’ piu’ vivo e so’ più bbono

no nun te lasso mai

Roma capoccia

der mondo infame,

Roma capoccia

der mondo infame.

Autore: marco capitelli

marco capitelli 07.11.53 san gimignano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *